Arrestato Alfredo Balestrini, presidente della Croce Ambrosiana

Pubblicato il 18 ottobre 2011 18:57 | Ultimo aggiornamento: 18 ottobre 2011 19:03

MILANO, 18 OTT – E' finito in carcere con le accuse di truffa aggravata, peculato e falso Alfredo Balestrini, presidente della Croce Ambrosiana, associazione di volontariato che si occupa a Milano di servizi di ambulanza.

L'inchiesta condotta dal nucleo di polizia tributaria della Gdf di Milano e coordinata dai pm Luca Poniz e Letizia Mannella ha accertato irregolarita' nella gstione dell'attivita' dell'associazione. In particolare, stando alle indagini, la Croce Ambrosiana, che figurava come ente non profit, beneficiava in maniera indebita di sussidi da parte di varie amministrazioni pubbliche per decine di migliaia di euro. In piu', sarebbero state distratte dalla casse dell'associazione ingenti somme di denaro.

L'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Balestrini e' stata firmata dal gip di Milano Laura Marchiondelli. Sono stati sequestrati beni mobili e immobili di proprieta' dell'ente e del suo presidente per una cifra complessiva pari a circa 270.000 euro.

Nell'inchiesta, Croce Ambrosiana e' indagata in qualita' di persona giuridica ai sensi della legge 231 del 2001 sulla responsabilita' amministrativa degli enti. I finanzieri, infine, stanno eseguendo una serie di perquisizioni dirette ad acquisire ulteriori documenti utili alle indagini.

Come si legge sul suo sito, l'Associazione Volontaria Croce Ambrosiana Milano e' attiva dal 1968. Svolge attivita' di soccorso sanitario pubblico di emergenza coordinato dalla Centrale Operativa 118 di Milano, oltre a servizi di assistenza sanitaria presso manifestazioni, fiere ed eventi anche sportivi, trasporto protetto di infermi in tutta Italia ed Europa ed e' responsabile dell'assistenza sanitaria continuativa all'interno del Parco Idroscalo gestito e coordinato dall'Amministrazione Provinciale di Milano.