Arzano (Napoli), proteste contro il lockdown. Giornalista minacciato costretto a barricarsi in casa

di redazione Blitz
Pubblicato il 21 Ottobre 2020 14:59 | Ultimo aggiornamento: 21 Ottobre 2020 14:59
Arzano (Napoli), proteste contro il lockdown. Giornalista minacciato costretto a barricarsi in casa

Arzano (Napoli), proteste contro il lockdown. Giornalista minacciato costretto a barricarsi in casa

Ad Arzano (Napoli) un giornalista, Mimmo Rubio, è stato costretto a barricarsi in casa dalle minacce dei manifestanti contro il lockdown

Ad Arzano (Napoli) un giornalista, Mimmo Rubio, è stato costretto a barricarsi in casa perché minacciato da una ventina di persone a bordo di scooter con caschi integrali.

Secondo quanto riferisce la Repubblica, è accaduto davanti all’ingresso del Comune. Qui i motociclisti sono arrivati per protestare contro il mini lockdwn adottato dalla commissione straordinaria che gestisce il Comune dopo lo scioglimento per condizionamenti di camorra.

Rubio ha assistito alla scenda alla finestra del suo appartamento, vicino al Comune. 

Sul caso è arrivata la condanna della Federazione nazionale della stampa italiana e del Sindacato unitario dei giornalisti della Campania.

La condanna

“Si tratta di un episodio di una gravità inaudita, che avviene sotto gli occhi di tutti, davanti alla casa comunale”. Lo scrivono Fnsi e sindacato, che esprimono “grande preoccupazione per la sicurezza del collega Mimmo Rubio”. 

Sindacato e Federazione invitano “le forze dell’ordine a intervenire con decisione, identificando e denunciando le persone che si sono rese protagoniste di quanto sta accadendo”.

Dell’accaduto ha parlato anche il senatore Sandro Ruotolo. Ruotolo si è appellato “al ministro dell’Interno e al prefetto di Napoli”. E ha chiesto loro “una protezione per il giornalista e che si agisca nei confronti di queste persone”. (Fonte: la Repubblica)