AS Roma: nella capitale sequestrate 32 mila magliette false. Si trattava di un giro cinese da 500 mila euro

Pubblicato il 27 agosto 2009 8:55 | Ultimo aggiornamento: 27 agosto 2009 9:03

maglia-romaFelpe e magliette con impressi i loghi contraffatti della Roma e della Nazionale di calcio. Trentaduemila pezzi pronti per essere venduti fuori dagli stadi e sulle bancarelle dei mercatini. Merce illegale.

Il grande bluf, scoperto dal Nucleo della polizia tributaria della Guardia di Finanza della capitale pochi giorni dopo l’inizio della stagione calcistica, era stato organizzato da importatori e da grossisti del settore che da tempo erano tenuti sotto controllo.

In un magazzino di una società gestita da cittadini cinesi le fiamme gialle hanno sequestrato tutta la merce, per un valore stimato di oltre 500mila euro. Il rappresentante legale della società e un operaio, entrambi cinesi, sono stati denunciati per i reati di introduzione nello stato e commercio di prodotti contraffatti con segni falsi e mendaci.

«L’operazione – spiegano alla Guardia di Finanza – rappresenta l’ennesimo risultato di una costante attività di controllo economico del territorio da parte di unità specializzate nella lotta alla contraffazione, con il fine di salvaguardare l’imprenditoria legale e di proteggere la salute e la sicurezza dei cittadini».