Asiago, uccide i genitori e si strangola. Trovati due biglietti: “Maledetti, Dio vi giudicherà”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 febbraio 2019 11:45 | Ultimo aggiornamento: 7 febbraio 2019 11:45
Asiago, uccide i genitori e si strangola. Trovati due biglietti: "Maledetti, Dio vi giudicherà"

Asiago, uccide i genitori e si strangola. Trovati due biglietti: “Maledetti, Dio vi giudicherà” (foto Ansa)

ASIAGO (VICENZA) – Due biglietti con le scritte “Maledetti” e “La pagherete tutti. Dio vi giudicherà. Maledetti” e due cinture da accappatoio intrise di sangue. La tragedia familiare scoperta il 4 febbraio in una villetta di contrada Pennar ad Asiago (Vicenza) si tinge di giallo. L’ipotesi principale per la morte dei due coniugi Italo e Ubaldina Marzaro, di 85 e 83 anni, e della loro figlia Silvia Marzaro, disoccupata di 43 anni, è quella del duplice omicidio-suicidio, ma le indagini vanno avanti e nella villetta potrebbero anche arrivare gli esperti della scientifica del Ris di Parma. 

I due bigliettini, con la grafia di Silvia Marzaro, sono stati trovati dagli investigatori in un cestino della spazzatura in casa. Quando i soccorsi hanno fatto irruzione, dopo che i vigili del fuoco avevano sfondato la porta chiusa a chiave dall’interno e con le chiavi ancora nella serratura, hanno trovato gli anziani coniugi senza vita ma ricomposti ordinatamente a letto, mentre il corpo della loro figlia giaceva per terra, vicino al bagno, in una pozza di sangue. 

Secondo le prime ipotesi la donna, che soffriva di depressione e che, secondo quanto riporta il Gazzettino, già lo scorso agosto aveva tentato di togliersi la vita assumendo una dose eccessiva degli psicofarmaci che le vengono prescritti da anni, avrebbe tentato di strangolarsi con una cintura di accappatoio ma poi sarebbe caduta e avrebbe battuto la testa, morendo sul colpo. 

Omicidio-suicidio o altro? Il sostituto procuratore di Vicenza ha aperto un fascicolo per omicidio a carico di ignoti, sequestrando la casa e i cellulari dei tre, a caccia di indizi. Sotto la lente degli investigatori in particolare le due cinture di stoffa sporche di sangue trovate in bagno. Di chi è quel sangue? A queste risposte solo le indagini potranno dare una risposta.