Asolo, ciclista Sascha Modolo investito da un’auto: “C’era una escort, è fuggita”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 dicembre 2017 19:37 | Ultimo aggiornamento: 10 dicembre 2017 19:37
sacha-modolo

Asolo, ciclista Sacha Modolo investito da un’auto: “C’era una escort, è fuggita”

TREVISO – Il ciclista Sacha Modolo è stato tamponato da un’auto pirata il 9 dicembre mentre si allenava ad Asolo, in provincia di Treviso. Modolo fortunatamente non ha riportato gravi ferite ed è riuscito a fotografare la vettura dell’uomo che l’ha investito e che è stato identificato. Prima di fuggire, l’uomo alla guida ha lasciato scendere una escort che poi si è dileguata, come scrive su Facebook il ciclista.

Mauro Favaro sul Gazzettino scrive che il velocista azzurro di 30 anni è stato investito ed è rimasto sconcertato dal comportamento dell’uomo alla guida dell’auto ad Asolo, che era accompagnato da una escort, e gli ha scattato delle foto da consegnare alle autorità:

“«Ero fermo a un semaforo lungo la mia carreggiata quando sono stato investito da dietro da un’auto che o non mi ha visto o pensava di passare con il rosso racconta sulla sua pagina Facebook , poi si ferma, abbassa il finestrino, mi guarda, non dice una parola e ride. Scende il passeggero, visibilmente una escort, e con sarcasmo minimizza l’accaduto: Tanto è solo una bici e te non hai niente, cosa vuoi che sia?».

È stato a quel punto che Modolo ha capito che non sarebbe venuto a capo della situazione. Così ha iniziato a scattare una serie di foto all’auto che l’aveva investito. E ha fatto bene. Perché quando ha detto al conducente che avrebbe chiamato i carabinieri, questo ha accesso il motore ed è scappato, lasciando a piedi la donna che era con lui.

«Lei si è incamminata verso una pasticceria racconta incredulo il ciclista dicendo con disinvoltura: Fate quello che volete, tanto io non lo conosco e non so chi sia». Insomma, se n’è lavata le mani. Ma la disavventura di Modolo non è ancora finita. «Allibito, ho chiamato i carabinieri, che mi hanno detto di chiamare il 118, che a sua volta mi dice che non sono grave, che quindi non uscivano e che avrei dovuto chiamare gli stessi carabinieri è il rosario elencato dal ciclista questi ultimi, dopo averli richiamati, mi dicono che escono solamente di pomeriggio. E che quindi devo chiamare il 118. Peggio della canzone “Alla fiera dell’Est” poi chiamo i carabinieri di Conegliano, i quali avvisano a Castelfranco di mandarmi qualcuno continua e chiamo la Polizia Locale di Asolo, che comunque era stata avvisata da Conegliano, ed è stata l’unica a mandarmi una pattuglia, anche se inizialmente erano impegnati»”.

Le foto scattate da Modolo hanno permesso attraverso la targa l’identificazione del pirata della strada che l’ha travolto per poi fuggire:

“«A suo carico verranno sporte le dovute denunce assicura Modolo fortunatamente io me la sono cavata solo con una forte botta alla schiena. Ringrazio la famiglia che si è fermata di sua spontanea volontà per testimoniare l’accaduto. Dispiace dire che siamo sempre in pericolo e costretti a condividere la strada con gente come quest’uomo».”

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other