Asporto vietato dalle 18 in poi, bar minacciano “disobbedienza civile”: “Meglio più controlli”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 Gennaio 2021 14:02 | Ultimo aggiornamento: 11 Gennaio 2021 14:02
Asporto vietato dalle 18 in poi, bar minacciano "disobbedienza civile": "Meglio più controlli"

Asporto vietato dalle 18 in poi, bar minacciano “disobbedienza civile”: “Meglio più controlli” (foto ANSA)

Bar, ma anche ristoranti, sul piede di guerra contro l’ipotesi di un’ulteriore stretta anti Covid, con il divieto di asporto oltre le ore 18. Sui social nascono iniziative di protesta con la minaccia di “disobbedienza civile” e l’apertura a prescindere dei locali chiusi da troppo tempo.

“Il periodo ormai troppo lungo di drastiche limitazioni e chiusure dei pubblici esercizi sta affossando un intero settore. Togliendogli la possibilità di ripartire – spiega Claudio Ferraro, direttore dell’Epat Torino – non ci pare che ipotizzare limitazioni a quelle piccole finestre di attività sia corretto, plausibile e neanche utile. Serve solo ad aggravare ancor di più l’economia dei pubblici esercizi. Se si ipotizzano violazioni, come assembramenti davanti ai locali, si facciano i controlli e si irroghino le sanzioni, ma non si colpisca un’intera categoria”.

Asporto bar vietato dalle 18? La Liguria dice no

“Ho detto al Governo di essere contrario al divieto di asporto take away per ristoranti e bar dopo le 18″. Lo dice Giovanni Toti su Facebook al termine della prima riunione con il Governo per definire le nuove norme e restrizioni per l’emergenza Covid che entreranno in vigore venerdì prossimo.

“Queste attività, pur potendo continuare con le consegne a domicilio, rischiano di essere penalizzate ancora di più, dopo aver già subito pesanti restrizioni. Bene invece l’introduzione di una zona bianca, come avevamo proposto già oltre un mese fa, cioè una zona dove, virus permettendo, si possa cominciare un lento ritorno alla normalità”.

Nuovo Dpcm e asporto vietato dalle 18

Il Governo infatti prepara il nuovo Dpcm che sarà in arrivo in settimana. Nel primo provvedimento del 2021 ci saranno nuove limitazioni e una stretta in particolare sulla movida. Questo a causa degli ultimi episodi di assembramenti e feste illegali.

Con ogni probabilità il Governo vieterà l’asporto dai bar a partire dalle 18 ed estenderà il divieto di spostamento tra Regioni anche nelle zone gialle, così come avvenuto dalle feste di Natale a oggi. Ma sul tavolo c’è anche la possibilità di istituire una zona bianca, seppur difficile da raggiungere (servirebbe un Rt sotto 0.5), in cui poter riaprire tutto senza limitazioni. (Fonte Ansa).