Assistenti Cicivi, sindacato Polizia: “Assumere prima 632 idonei che aspettano la divisa”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 27 Maggio 2020 15:55 | Ultimo aggiornamento: 27 Maggio 2020 15:55

assistenti-ansa

ROMA – “Assistenti civici? Servono aiuti veri. Assumere 632 idonei che aspettano la divisa”, queste le parole di Valter Mazzetti, Segretario Generale dell’Fsp Polizia di Stato.

Sulla proposta di ingaggiare 60.000 volontari, assistenti civici, Mazzetti spiega: “Sentire che in un momento così tragico per il Paese si discute di ‘assistenti civici’ è un insulto alla pazienza e al dolore degli italiani.

Sentire la precisazione dal Governo che ‘non avranno funzioni di polizia’ o ‘ruolo securitario’ è un insulto all’intelligenza. E ci mancherebbe!

Gli assistenti civici non aiuteranno, la loro presenza sarà un aggravio del lavoro degli operatori in divisa già oberati.

Si pensi ad aiuti veri, per la gente in difficoltà, e per le Forze dell’ordine che necessitano di nuove assunzioni, mentre 466 giovani già vincitori di concorso aspettano di entrare in Polizia e hanno dovuto ricorrere alla Corte Costituzionale, e altri 166 sono pure già idonei.

Queste politica miope e inadeguata non conosce il paese e nemmeno lo osserva”.

“Un esercito di persone non preparate per vigilare su norme rispetto a cui persino gli addetti ai lavori faticano a districarsi – aggiunge -. Né preparate per interagire con una cittadinanza esasperata. Anche per fare i volontari ci vuole una preparazione.

E 60.000 sconosciuti chi li formerà, chi li sostenterà nel loro compito, quanto costerà? Dispenseranno consigli di buone maniere? Un insulto agli italiani perbene. Saranno vedette per sorvegliare i 20enni all’aperitivo?

Ci chiamerebbero inutilmente distogliendoci dal controllo del territorio. Redarguiranno negozianti disperati? Ci sono persone competenti a fare controlli complicatissimi. Denunceranno delinquenti che non rispettano le norme?

Rischierebbero la vita. Quanti fatti di cronaca abbiamo visto con aggressioni a chi solo ha chiesto un distanziamento o di tirar su una mascherina?

Il primo volontario ferito resterà sulla coscienza di politicanti che della realtà non sanno nulla, che non governano le tensioni sociali, lasciandole sulle spalle delle forze di polizia, che non disinnescano il disagio con provvedimenti celeri, ma rispondono con fumo negli occhi, buttando in strada un esercito di persone che proveranno a redarguire chi non rispetta le regole sanitarie… mentre ad oggi ancora non si trovano un paio di guanti”.