Ast di Terni: deve assistere il figlio malato, i colleghi gli donano le ferie

di Redazione Blitz
Pubblicato il 30 Ottobre 2019 15:36 | Ultimo aggiornamento: 30 Ottobre 2019 15:36
L'AST di Terni

L’AST di Terni (foto Ansa)

ROMA – I dipendenti dell’acciaieria di Terni hanno deciso di donare le ferie al collega che le ha esaurite per assistere il figlio malato.

Questa l’iniziativa di solidarietà avvenuta all’Ast di Terni, dove azienda, rsu e sindacati hanno firmato un accordo che permette ai dipendenti dell’acciaieria di donare o cedere ore di permessi annui retribuiti o di ferie ad un collega costretto ad assentarsi dal lavoro per assistere il figlio minorenne malato.

L’uomo ha infatti esaurito tutti gli strumenti a sua disposizione che la legge ed il contratto prevedono. In base all’accordo stipulato in via eccezionale su richiesta di tutte le organizzazioni sindacali, entro il 31 dicembre ogni lavoratore potrà dunque, volontariamente, donare o cedere ore di permessi o ferie a favore del collega, attraverso un apposito modulo che sarà distribuito in azienda.

Sindacati e Ast hanno inoltre deciso di rincontrarsi entro il 31 di gennaio prossimo per verificare se ci sono le condizioni per rendere strutturato lo strumento della banca ore ‘solidali’, così da rispondere alle esigenze di colleghi in difficoltà.

“Come organizzazioni sindacali – si legge in una nota diffusa da Fim, Fiom, Uilm, Fismic, Ugl e Usb – riteniamo tale iniziativa importante e lodevole certi che, a fronte di casi eccezionali come questi, i lavoratori di Ast non faranno venir meno il proprio contributo ed attenzione. Siamo rimasti stupiti e delusi dal fatto che Acciai speciali Terni, molto sensibile negli annunci alle questioni del sociale e del welfare, non abbia voluto contribuire in nessun modo e nessuna misura in modo attivo a questa nobile iniziativa”.

Fonte: Ansa.