Esporlatu (Sardegna): bomba a casa del vicesindaco Giovanni Canu

di redazione Blitz
Pubblicato il 15 aprile 2018 21:13 | Ultimo aggiornamento: 16 aprile 2018 11:53
Esporlatu (Sardegna): bomba a casa del vicesindaco Giovanni Canu 02

Esporlatu (Sardegna): bomba a casa del vicesindaco Giovanni Canu

SASSARI – Bomba a casa di Giovanni Canu, vicesindaco di Esporlatu, in Sardegna.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

Tetto crollato, porte divelte, finestre in frantumi, pareti lesionate. È quanto resta dell’abitazione in campagna del vicesindaco di Esporlatu, piccolo comune in provincia di Sassari. E’ l’ennesimo attentato ai danni di un amministratore locale in Sardegna.

Nell’Isola è stata recentemente firmata un’intesa con il Viminale per rafforzare la presenza dello Stato, implementare la videosorveglianza e agire sul malessere sociale con azioni di supporto alle comunità e alle classi disagiate, ma l’escalation di atti intimidatori – 220 nel 2017 e 5, con l’episodio di oggi, nel 2018 – prosegue.

Canu, carabiniere in pensione, già nel 2017 aveva ricevuto una intimidazione: gli avevano bruciato l’auto parcheggiata in paese. Questa volta i malviventi hanno voluto lanciare un messaggio decisamente più forte.

Di notte si sono introdotti nella casa, situata in una zona isolata di campagna, in località Sa Chessa, hanno piazzato l’ordigno e sono fuggiti. La violenta deflagrazione ha distrutto la veranda dello stabile, danneggiando gran parte della struttura. Intorno alle 7 alcuni pastori si sono accorti del crollo e hanno chiamato il proprietario.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Bono che stanno cercando di ricostruire la vicenda e di individuare il tipo di esplosivo utilizzato. Prelevate le riprese delle telecamere di videosorveglianza dell’abitazione che potrebbero aver immortalato i malviventi mentre posizionavano la bomba.

Non ci sarebbero dubbi sul fatto che l’intimidazione sia legata all’attività politico-amministrativa del vicesindaco, come quella dello scorso anno. “Stiamo lavorando bene, in trasparenza e onestà – ha detto all’Ansa Canu – Se è necessario sono pronto a farmi da parte, vorrei però prima parlare con queste persone. Se ho sbagliato in qualche cosa, che vengano a dirmelo. Sono pronto a rimettere il mandato, se è quello che vogliono. Se questi barbari, perché solo così possono essere definiti, hanno qualche cosa da contestare si facciano avanti e ci mettano la faccia”.

Solidarietà è stata espressa al vicesindaco dal governatore della Sardegna Francesco Pigliaru e dal presidente del Consiglio regionale Gianfranco Ganau, mentre il neo deputato di Forza Italia Pietro Pittalis ha chiesto “di intensificare l’attività delle forze dell’ordine”.