Cronaca Italia

Autostrade, il tir cisterna ti può ammazzare: 4 su 5 bombe viaggianti

autostrade-a21-incidente

Autostrade: il campo minato delle cisterne bombe viaggianti

ROMA – Incidente A21. Combustibili su camion, bombe potenziali: 4 Tir su 5 non in regola. Lo spaventoso incidente di ieri sulla A21, nei pressi di Brescia, nel quale sono morte carbonizzate sei persone, ripropone in maniera drammatica il problema della sicurezza stradale. Da una parte la constatazione che il trasporto di combustibili su gomma rende i camion delle potenziali bombe viaggianti, il percorso autostradale un campo minato.

Dall’altra le misure di controllo sui mezzi e gli autotrasportatori: nel 2017 quattro Tir su cinque sono stati sanzionati per irregolarità, dei 46.997 veicoli pesanti controllati,  le infrazioni accertate sono state 37.242, le patenti ritirate 417 e le carte di circolazione ritirate 760.

In particolare, i controlli sono mirati a verificare le condizioni del conducenti (rispetto dei turni di riposo, l’usura dei pneumatici e la correttezza dei documenti di guida e di carico) e le effettive condizioni di sicurezza dei camion attraverso le procedure per la revisione in officina, a maggior ragione se trasportano materiale infiammabile.

«I controlli sono avvenuti su un doppio binario – precisa il vicequestore aggiunto della polizia stradale Damiano Pica -: uno risponde alle direttive europee del 2009, d’intesa con il ministero dell’Interno e quello dei Trasporti, e si focalizza su controlli minimi sia su mezzi italiani sia su quelli stranieri. L’altro si avvale del ricorso a dispositivi specifici grazie all’utilizzo di centri mobili di revisione. Si tratta di una sorta di officine mobili che, grazie alla collaborazione con il ministero dei Trasporti, controlla in tempo reale i freni, le luci, l’asse motrice, ammortizzatori e gas di scarico emanati dai Tir». (Grazia Longo, La Stampa)

To Top