Cronaca Italia

Autostrade, sconto ai pendolari: ma non per tutti. Telepass e tratte escluse

Autostrade, sconto ai pendolari: ma non per tutti. Telepass e tratte escluse

Autostrade, sconto ai pendolari: ma non per tutti. Telepass e tratte escluse (foto LaPresse)

ROMA – Gli sconti per pendolari che viaggiano in autostrada ci sono, ma non per tutti. E, soprattutto, non a tutti piacciono. Dal 24 febbraio, infatti, basta registrarsi (entro fine mese per avere sconti retroattivi), sul sito del Telepass per poter accedere alle agevolazioni.

Ma il Telepass è proprio uno dei punti dolenti. Per accedere alle agevolazioni, infatti, sarà obbligatorio averlo. Costa poco, d’accordo, ma non è gratis. Certo, per chi deve controllare le tratte è di sicuro la via più facile per tracciare i passaggi effettivi sull’autostrada.

Ma il Telepass non è il solo problema degli sconti. Nel mirino dei pendolari finisce anche il limite di 50 km entro cui si applicano gli sconti. Troppo pochi, secondo alcuni. Certamente una soglia beffa per chi tutte le mattine fa in autostrada la tratta tra Vicenza e Mestre, 52 km. Perché la norma è fatta con l’accetta: non prevede sconti per i “primi 50 km” ma solo entro i 50 km. Chi ne fa 52 paga tratta intera.

Infine ci sono tratte escluse dal bonus, come la Salerno-Napoli e la tangenziale, sempre di Napoli. Sconti, insomma, non facili e non per tutti.

To Top