Avellino: Antonello Buonanno morì nel 2010. Caso riaperto: indagati 2 medici

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 settembre 2013 19:26 | Ultimo aggiornamento: 25 settembre 2013 19:27
Avellino: Antonello Buonanno morì nel 2010. Caso riaperto: indagati 2 medici

Foto Lapresse

AVELLINO – Avellino: Antonello Buonanno morì nel 2010. Tre anni dopo si riapre il caso: davvero non poteva essere salvato?

Antonello Buonanno era un dj di 42 anni deceduto nel novembre del 2010, dopo un mese di coma, nell’ospedale Moscati di Avellino. Il Gip del Tribunale irpino, Antonio Sicuranza, accogliendo la richiesta del legale della famiglia, Gianfranco Grella, ha inviato all’ufficio del Pm la richiesta di formulare il capo di imputazione per due professionisti: si tratta del medico curante di Buonanno e del medico in servizio presso il reparto di Rianimazione dell’ospedale avellinese.

Buonanno venne ricoverato in seguito a lancinanti dolori di testa ma dopo alcune ore di osservazione venne dimesso. Alcuni giorni dopo, in seguito a nuovi violenti attacchi, venne nuovamente ricoverato, prima di entrare in coma.

Secondo i familiari, i medici avrebbero attivato in ritardo i previsti accertamenti diagnostici: nei mesi scorsi, lo stesso giudice, in due diverse udienze, aveva prosciolto dall’accusa di omicidio colposo cinque medici dell’ospedale di Avellino.