Baby squillo Parioli, altre ragazze coinvolte. Zia della 14enne: “Voleva dirmelo ma..”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 Novembre 2013 13:50 | Ultimo aggiornamento: 13 Novembre 2013 13:52

baby squillo parioliROMA – Altre ragazze minorenni, oltre alle due già individuate, coinvolte nel giro di prostituzione a Roma. E’ la pista che stanno seguendo gli investigatori che indagano sulla vicenda delle ragazzine fatte prostituire nella Capitale, nel quartiere dei Parioli. A quanto si è appreso, potrebbe trattarsi di amiche o conoscenti delle due ragazzine già al centro delle indagini.

LEGGI ANCHE: Baby squillo Parioli, le intercettazioni: “300 euro per 2 ore”

“Giorni fa mi ha detto ‘zia, io te lo volevo dire, ma mi vergognavo troppo’. Ma prima non mi ha mai raccontato (della casa in viale Parioli in cui si prostituiva, ndr), mi raccontava più che altro come si sentiva”. Ha parlato così la zia di una delle due minorenni – la più piccola, di 14 anni -, intervistata su Sky Tg24.

A proposito della sorella, che sarebbe stata al corrente di quanto faceva la figlia, la donna ha detto: “Non credo che sapesse, altrimenti l’avremmo saputo anche noi. Ce l’avrebbe detto come ci ha detto che spacciava droga. Ma non abbiamo mai avuto un buon rapporto, abbiamo sempre litigato per il modo in cui gestiva i bambini”.

La zia della ragazzina ha parlato anche della famiglia di provenienza sua e della sorella e di quella della nipote. “Sapevamo delle difficoltà di mia sorella, è una persona estremamente fragile, ha sempre avuto difficoltà psicologiche e non è stata supportata adeguatamente – ha raccontato -. Lei e la figlia sono molto simili, la ragazzina si rispecchia molto in mia sorella, purtroppo è un modello fragile, con un padre completamente assente, come per l’altra ragazza”.

“Mia sorella ha subito purtroppo violenze in famiglia – ha detto ancora -, ha avuto problemi psicologici, alimentari come bulimia e anoressia, la nostra infanzia è stata estremamente dura, ma lei non è riuscita a curarsi”.

LEGGI ANCHE: Baby squillo Parioli, arrestati 2 clienti-pusher: “Davano cocaina per festini”

Intanto sarebbero circa 20-30 persone i clienti coinvolti finora nella vicenda. La maggior parte sono persone che provengono da ambienti facoltosi e agiati e che avevano disponibilità di denaro.