Due ex baby squillo: “Non sapevamo a cosa andavamo incontro. I nostri genitori non ci parlano più”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 Settembre 2020 12:35 | Ultimo aggiornamento: 23 Settembre 2020 12:35
Due ex baby squillo si raccontano

Due ex baby squillo: “Non sapevamo a cosa andavamo incontro. I nostri genitori non ci parlano più” (foto ANSA)

Con l’ultima stagione di Baby, serie tv Netflix nella lista delle tre più viste al mondo, è tornato alla ribalta il famoso “scandalo dei Parioli” che aveva visto il coinvolgimento di due minorenni in un giro di sfruttamento della prostituzione.

Di storie simili a quella portata sul piccolo schermo da Netflix sulle baby squillo ce ne sono altre, come quella di Cinzia e Gloria (nomi di fantasia).

La storia viene raccontata da Fanpage.

“Non sono ancora riuscita a ragionare su quello che mi è successo – racconta Cinzia -. L’esperienza della casa-famiglia, lo capisco solo ora, è stata vitale per me. Se non fossi arrivata lì, non so cosa ne sarebbe di me oggi. Parlo di quello che mi è successo perché vorrei che si sapesse che non è un gioco. Nel mio caso specifico, è stata la promessa di ingenti somme di denaro a portarmi in quella rete. Ho pensato che potevo gestirlo da sola, che avrei postato solo qualche foto online ma non sai qual è il fondo che dovrai toccare. Non sai che qualcuno ti sfrutterà, che non sei in controllo e che non potrai tirarti indietro così facilmente”.

La prostituzione minorile, racconta ancora la ex baby squillo, non è di sicuro una scelta: “In qualche modo avevamo tutte bisogno di soldi. Non ero l’unica della mia età, ma chi mi circondava stava molto attento a non farmi incontrare le altre. Era come se non esistessero le nostre coetanee in quel mondo. Tu sai che ci sono, ma di fatto non ne hai mai vista una”.

“Da piccola volevo fare la parrucchiera avevo la fantasia di un salone tutto mio. Quando ho iniziato a prostituirmi ho smesso di pensarci. Non ho ancora chiaro cosa pensassi, probabilmente ero convinta di non poterlo più fare o che non ne valesse la pena. Poi ho smesso e ho ripreso in mano quest’idea, no? Credo mi servisse uno scopo per vivere in casa famiglia, per sapere che non era finita. Non ho ancora quel salone, ma spero di averlo presto”.

Baby squillo, il rapporto con i genitori

Gloria, invece, non ha più notizie di sua madre e suo padre: “Non lo so, non ci sentiamo da allora. Sono stati loro ad aiutarmi nel mio percorso, ma poi abbiamo perso i contatti. Io ho avuto paura di confrontarmi e loro forse non sapevano come parlarmi. Siamo tutti ancora molto scossi da quello che è successo, ma forse lentamente recupereremo il tempo perduto. Ora ho trovato un lavoro e mi sono trasferita”.

Gloria non ha mai voluto raccontare la sua storia, neppure al suo fidanzato: “Si tratta di una parte della mia vita che per ora voglio tenere per me”. (fonte FANPAGE)