Badar, il primo carabiniere musulmano: “Nell’Arma per combattere il terrorismo”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 Giugno 2019 14:23 | Ultimo aggiornamento: 24 Giugno 2019 14:23
Badar, il primo carabiniere musulmano: "Nell’Arma per combattere il terrorismo"

Badar, il primo carabiniere musulmano: “Nell’Arma per combattere il terrorismo” (Ansa)

TORINO – “Nell’Arma per combattere il terrorismo”. Ha sempre voluto fare il carabiniere per essere al servizio dei cittadini. E oggi Badar, 23 anni, di origini marocchine, musulmano praticante, ha coronato il suo sogno giurando fedeltà alla Repubblica insieme ad altri 396 allievi in una cerimonia che si è svolta a Torino nella caserma Cernaia.

Badar Eddine Mennani, nato a Santa Maria Capua Vetere (Caserta), nell’Arma ha trovato integrazione, accoglienza e comprensione per lui e per le sue tradizioni. “Ha incontrato i valori che sono propri di ogni famiglia”, dice la mamma, che oggi, come da cerimoniale, gli ha sistemato gli alamari sulla divisa. “Mio figlio – racconta – mi ha spiegato che rappresentano ufficialmente la sua appartenenza all’Arma. Per noi è stato un onore”.

Per Badar i carabinieri sono sempre stati un punto di riferimento. In Campania, seguiva appassionato le varie associazioni nazionali dell’Arma e, a 18 anni, dopo essersi trasferito a Bergamo, ha deciso di provare il concorso. Alla scuola Cernaia ha incontrato amici, fratelli e superiori disponibili ad andare incontro anche alla sua fede: lasciandogli, per esempio, i permessi per organizzarsi per il Ramadan. Oggi il sogno di Badar si è avverato. E gli amici raccontano: “ha sempre voluto mettersi al servizio degli altri”. (Fonte Ansa).