Bambini romeni rapiti e costretti a rubare: tre arresti il Lombardia

Paolo Riva*
Pubblicato il 9 Novembre 2010 17:18 | Ultimo aggiornamento: 9 Novembre 2010 17:18

Scoperta in Lombardia un’organizzazione romena che trafficava minori e li avviava al crimine.

Tremila euro a bambino. Era questo il guadagno che si garantiva una banda di criminali sgominata dai Carabinieri del Nucleo operativo di Monza. In manette tre cittadini romeni, tra i 27 e i 47 anni, ora accusati di tratta internazionale di minori e ricettazione.

Secono le indagini coordinate dal sostituto procuratore di Milano Ester Nocera, i tre farebbero parte di una grande organizzazione che, attraverso rapimenti negli orfanotrofi o compravendite con i genitori, avrebbe portato in Italia minori romeni per avviarli ad attività criminose, tra cui prostituzione e furti.

Proprio come è successo a Sebastian e Alexandru, rispettivamente 15 e 16 anni, che risultavano da giorni scomparsi dall’orfanotrofio di Galati, nella Romania orientale. I due ragazzi, completamente all’oscuro di tutto, sono stati trovati dai Carabinieri all’interno del furgone guidato da due degli arrestati, alle porte di Milano, poco prima che arrivasse al covo della banda a Cinisello Balsamo.

Qui li attendeva il terzo complice, in un appartamento all’interno del quale sono stati sequestrati cellulari, contanti e assegni per un totale di 16mila euro e merce per oltre 30mila euro di valore. Secondo gli investigatori, sarebbe il bottino raccolto da alcuni bambini nel corso di pochi giorni di “lavoro” nei centri commerciali della zona.

L’indagine che ha portato al fermo dei tre uomini, ora rinchiusi nella casa circondariale di Monza a disposizione dell’autorità giudiziaria, era cominciata nel 2008 e aveva già dato i primi frutti nel giugno scorso. Allora, in un’operazione denominata “Fata” e condotta in collaborazione con la polizia rumena, erano state fermate altre persone appartenenti alla stessa organizzazione criminale che farebbe capo a quattro gruppi famigliari rumeni residenti in patria.

*Scuola di Giornalismo LUISS