I bambini di Testaccio ad Alemanno: “Le vecchiette non ci fanno giocare a pallone”

Pubblicato il 5 Agosto 2011 23:55 | Ultimo aggiornamento: 5 Agosto 2011 23:58

Gianni Alemanno (LaPresse)

ROMA – La mattina del 5 agosto il sindaco di Roma Gianni Alemanno si è presentato nello storico rione di Testaccio e, dopo aver indossato la pettorina dell’Ama, l’azienda addetta al decoro e alla pulizia della città, si è messo a ripulire alcuni graffiti presenti sui muri.

Qui, il sindaco di Roma ha dovuto anche ascoltare un’insolita richiesta dei bambini di bambini del rione che si trovavano nella piazza adiacente: “Sindaco, le vecchiette della piazza non ci fanno giocare a pallone. Può fare qualcosa per noi?”.

Il pomo della discordia è piazza Santa Maria Liberatrice, nel cuore di Testaccio, dove la comitiva di adolescenti spesso si dà appuntamento per giocare a pallone. Non appena però comincia il match arrivano anche i rimproveri delle signore. Alemanno si è dunque avvicinato alle anziane sedute sulle panchine della piazza per portare la richiesta dei bambini ed è stato travolto da una nuova valanga di lamentele. Le vecchiette hanno mostrato la sporcizia che regna nel quartiere, oltre al degrado dello spazio pubblico.

Il sindaco, dopo aver ascoltato le richieste che venivano dai cittadini più anziani del rione, ha dato il suo benestare ai bambini che hanno ripreso a giocare.