La Banda dei sardi voleva rapire la salma di Pavarotti

di redazione Blitz
Pubblicato il 18 marzo 2018 13:06 | Ultimo aggiornamento: 18 marzo 2018 13:28
Luciano Pavarotti, ladri volevano rapire salma

Luciano Pavarotti (Ansa)

ROMA – I carabinieri sono riusciti a fermarli in tempo, altrimenti la cosiddetta Banda dei sardi avrebbe rubato la salma di Enzo Ferrari o quella di Pavarotti, per poi chiedere un riscatto milionario.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela

Il loro arresto risale ad un anno fa ma solo ora vengono resi noti alcuni estratti delle intercettazioni. Il gruppo che faceva spola tra l’Emilia e la Sardegna, oltre al traffico di stupefacenti e armi tra il Nord Italia e l’isola, con ramificazioni anche in Calabria, voleva trafugare i corpi di personaggi eccellenti, tra cui quella di Enzo Ferrari e del tenore Luciano Pavarotti che riposa nel cimitero di Montale Rangone, vicino Modena.

Giovanni Antonio Mereu, per gli amici Gianni Caddina, viene intercettato mentre a telefono ipotizzava :”A questo, cosa credi che facciano? Questo, cosa cazzo credi che facciano? Sennò… ci sarebbe Pavarotti, ce ne sono di personaggi!”.

L’indagine contro la Banda dei sardi è partita dai Carabinieri del comando provinciale di Nuoro e diretta dalla Dda di Cagliari ed ha fermato un traffico illecito di armi, cocaina ed eroina da parte dell’organizzazione criminale conosciuta già in passato per il furto delle salme. Oltre alla droga, la banda contrabbandava in pistole,  kalashnikov e altre armi da guerra.

Sono quarantuno le persone coinvolte fra quelle arrestate e ai domiciliari.