Barge, Daniele Ermanno Bianco confessa omicidio Anna Piccato: rapinata per 3.20 euro

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 febbraio 2019 13:19 | Ultimo aggiornamento: 8 febbraio 2019 13:54
Daniele Ermanno Bianco confessa omicidio Anna Piccato a Barge

Barge, Daniele Ermanno Bianco confessa omicidio Anna Piccato: rapinata per 3.20 euro

CUNEO – Daniele Ermanno Bianco ha confessato di aver ucciso Anna Piccato a colpi di chiave inglese nella cittadina di Barge, in provincia di Cuneo. L’operaio di 40 anni si è accanito contro la pensionata di 70 anni per rapinarla, ma il suo bottino è stato di appena 3.20 euro spesi per comprarsi una birra, 

L’omicidio risale allo scorso 23 gennaio, quando la pensionata Anna è stata ritrovata senza vita e col volto irriconoscibile per le ferite nei pressa della chiesa di Barge. Le indagini si sono orientate subito su Bianco, che ha confessato il delitto solo dopo che le tracce di Dna della vittima trovate sui suoi vestiti lo hanno incastrato.

Il movente dell’omicidio è una rapina finita male. L’uomo voleva farsi consegnare i soldi dalla vittima, ma nella sua tasca c’erano solo 3,20 euro, il resto della colazione consumata al bar. Secondo la ricostruzione degli investigatori, Bianco ha colpito la vittima 11 vole con una chiave inglese, ma l’arma del delitto e il giubbotto che l’uomo indossava al momento dell’omicidio non sono stati ritrovati. L’omicida li avrebbe gettati nei secchioni della spazzatura, che sono stati svuotati poche ore dopo il delitto.

Il procuratore di Cuneo ha commentato: “Caso molto complicato. E’ stata una confessione di necessità: quando si compie un grave crimine si tende naturalmente a rimuoverlo perché il peso è troppo grande. Bianco non ha spiegato il perché dell’efferatezza e ci stiamo ancora lavorando. L’arrestato sostiene di aver agito da solo. Grazie al lavoro degli investigatori, alla comunità di Barge e grazie anche ai giornalisti che hanno rispettato lo stretto riserbo sulle indagini che era necessario per arrivare a questo risultato”.