Belluno, è a corto di soldi: vende auto d’epoca del vicino

di Francesco Alfani*
Pubblicato il 8 Ottobre 2010 14:38 | Ultimo aggiornamento: 8 Ottobre 2010 14:38

Invece di vendere qualcuno dei suoi beni, un uomo di 34 anni di Belluno ha pensato che per rimediare un po’ di euro avrebbe potuto approfittare delle due macchine d’epoca del vicino di casa, lasciate sempre ferme in garage. La truffa però è stata scoperta e ora è stato denunciato per furto.

I protagonisti della vicenda sono due abitanti della cittadina di Sedico, nella provincia veneta. Il primo ha una passione per le vecchie auto, e nel tempo è riuscito a “collezionarne” due: una Simca e una Cinquecento, che conserva in garage. Il secondo, S. R., un incensurato, ha qualche problema a pagare le bollette e a sostenere le spese quotidiane. Le due macchine gli devono essere sembrate una soluzione a portata di mano. Così si è rivolto ad un autosalone della vicina Longarone, di cui era da tempo cliente, e si è presentato come proprietario delle vetture.

La prima macchina, la Cinquecento, è stata piazzata subito e trasportata nel salone. Ma, fortunatamente per il proprietario, qualche vicino di casa ha segnalato alla questura la presenza presso l’abitazione di alcune persone che armeggiavano nel parcheggio. La pattuglia, giunta sul posto ha trovato B. G., un dipendente dell’autosalone, che stava caricando la Simca sul carroattrezzi. Gli agenti di polizia hanno trovato anche il proprietario, avvertito dalla madre, che non poteva credere ai suoi occhi per quello che stava accadendo. E la cui sorpresa è stata ancora maggiore quando ha scoperto che la macchina era stata venduta dal vicino di casa.

La polizia ha appreso così che non c’era nessun ordine di vendita, e che ad accompagnare il carroattrezzi sul posto era stato un cliente della sua ditta. L’uomo, rintracciato dagli agenti, all’inizio si è difeso sostenendo di aver agito per fare un favore ad un amico che gli aveva chiesto di aiutarlo a liberare il garage dalle due auto. Poi però ha ammesso di aver agito per rimediare un po’ di soldi, vista la sua difficile situazione economica. Il trentaquattrenne ora rischia non poco: è stato denunciato per furto in abitazione e tentata truffa all’autosalone.

*Scuola di Giornalismo Luiss