San Benigno Canavese, donna uccisa a coltellate in casa. Fermato il figlio

di redazione Blitz
Pubblicato il 16 Ottobre 2020 14:27 | Ultimo aggiornamento: 16 Ottobre 2020 14:27
San Benigno Canavese, Ermanna Pedrini uccisa a coltellate in casa

San Benigno Canavese, San Benigno Canavese, Ermanna Pedrini uccisa a coltellate in casa (Ansa)

Una donna, Ermanna Pedrini, è stata uccisa in casa, accoltellata nella sua villetta di San Benigno Canavese (Torino). Fermato il figlio

Una donna di 64 anni, Ermanna Pedrini, è stata uccisa, accoltellata nella sua villetta di San Benigno Canavese (Torino). I carabinieri hanno arrestato il figlio, Renato, 44 anni. Era a Pont Canavese, a casa di un conoscente. I militari dell’Arma lo hanno individuato grazie al segnale Gps della sua auto.

“Penso di sapere perché siete qua”, si è limitato a dire l’uomo consegnandosi ai carabinieri, che lo hanno portando in caserma a Volpiano per interrogarlo.  

La scena dell’omicidio

I carabinieri hanno trovato nella cucina della villetta il cadavere della donna. Per terra anche il grosso coltello con il quale la donna è stata uccisa.

Da quanto riferito dall’Ansa, sembra che prima dell’omicidio ci sia stato un litigio, perché sono state trovate alcune sedie per terra.

A chiamare i soccorsi sono stati alcuni parenti della donna, preoccupati perché questa mattina hanno visto le serrande abbassate della villa, dove la donna, vedova da un anno, lavorava come parrucchiera. Sul cancello dell’ingresso un cartello che invitava i clienti a ripassare. Ma una delle ipotesi è che lo abbia scritto proprio l’omicida. (Fonte: Ansa)