Bergamo, banca nega prestito: “Ha 76 anni, ormai deve morire”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 Febbraio 2015 6:30 | Ultimo aggiornamento: 10 Febbraio 2015 0:57
Bergamo, banca nega prestito: "Ha 76 anni, ormai deve morire"

Bergamo, banca nega prestito: “Ha 76 anni, ormai deve morire”

BERGAMO – La banca di cui è cliente da decenni gli nega un prestito. Non perché non avesse garanzie: ha una casa da 60mila euro, sei volte la cifra richiesta. Ma perché l’uomo in questione ha 76 anni, e quindi, secondo la banca “ormai deve morire”. La vicenda è riferita dall’Eco di Bergamo, che riporta la lettera inviata in redazione da un lettore.

«Gentile redazione de L’Eco di Bergamo,

vorrei portare alla vostra cortese attenzione questa discriminazione. Ho appena ricevuto una email del sig. …: per voce sua, la banca dice che non può erogare un prestito da me richiesto di 10 mila euro perchè avendo io superato i 75 anni devo morire. Ahahahah: dai ci vuole la risata.

Premesso questo io …., vecchio 76enne, cliente della suddetta banca da oltre 50 anni, come garanzia avevo proposta una mia proprietà del valore 60/70 mila euro. Mia moglie, che ha la firma per il mio deposito bancario, alla mia morte che (secondo il sig. … dovrebbe essere imminente) avrebbe la reversibilità sulla mia pensione che viene depositata in questa succursale.
Per questo mi pare palese il non valore dell’età e la stupidità di questa scelta, non so da chi veramente fatta. Ma comunque è una vigliaccata.

Ps – non ditemi di cambiare banca, anche se lo farei volentieri: ma in punto di morte mi viene difficile…

Distinti saluti»