Bergamo, pulcini passeggiano sulla circonvallazione: auto si ferma per aiutarli

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 Maggio 2014 11:41 | Ultimo aggiornamento: 8 Maggio 2014 11:50
Bergamo, pulcini passeggiano sulla circonvallazione: auto si ferma per aiutarli

Bergamo, pulcini passeggiano sulla circonvallazione: auto si ferma per aiutarli

BERGAMO – Sette pulcini di anatra passeggiavano tranquillamente sulla Circonvallazione Mugazzone a Bergamo, rischiando di essere travolte da auto e camion. Un automobilista, Elio Di Albino, le ha seguite con la sua macchina fino al marciapiede dove, con l’aiuto di altri passanti, le ha messe in una scatola e salvate.

La storia a lieto fine per le anatrelle arriva da Bergamo e tutto si svolge nel pomeriggio del 6 maggio, racconta una donna che passeggiava con il suo bimbo ed ha assistito alla scena. La donna, che era ferma al semaforo quando le anatrelle hanno attraversato l’incrocio verso la Circonvallazione, racconta all’Eco di Bergamo:

“Allegramente vediamo 7 piccole anatrelle in fila che attraversano la strada dirigendosi verso la Circonvalazione mettendosi a fianco carreggiata – racconta la mamma -. Le poverette hanno rischiato parecchie volte di essere investite, perfino da un camion che ha strombazzato e ha continuato la sua folle corsa”.

Tutti sembrano indifferenti alle anatrelle, finché un automobilista non fa qualcosa:

“Ma a un certo punto una macchina, che era ferma in fila alla rotonda per dirigersi verso Orio al Serio, ha cambiato corsia e si è messa dietro alle anatrelle per proteggerle fino a quando sono uscite dal bordo carreggiata e si sono messe nel praticello. Questo signore è poi sceso dalla macchina e ha chiamato la polizia locale per capire cosa fare: con il mio aiuto e con l’aiuto di un extracomunitario fermo al semaforo, siamo riusciti a prenderle e metterle in un scatolone per non farle di nuovo ritornare in strada”.

L’uomo è poi andato via, portando con sé le anatrelle con l’impegno di liberarle in un posto più sicuro, racconta la donna al quotidiano:

“Il gesto di questo signore, che si è presentato come Elio di Albino, mi ha colpito e vorrei ringraziarlo: le anatrelle ora sono con lui, aspettando che siano più grandicelle per poi riportarle in un posto più sicuro”.