Bergamo, sequestrati beni per 2,5 milioni a un trafficante di droga

Pubblicato il 27 Marzo 2012 10:56 | Ultimo aggiornamento: 27 Marzo 2012 10:59

BERGAMO – I Carabinieri del nucleo investigativo di Bergamo, nell'ambito di un'indagine scaturita dall'arresto di due narcotrafficanti avvenuto l'ottobre scorso sul litorale di Pomezia (Roma), hanno sequestrato, in esecuzione di un decreto di sequestro preventivo del gip di Velletri, immobili e conti correnti intestati o riconducibili a D.M., 52 anni, pregiudicato romano.

L'uomo era gia' stato arrestato in un blitz a fine ottobre, quando insieme a un complice fu scoperto sul litorale di Pomezia, mentre stava stivando su un suv 1500 chili di hashish, gran parte destinati al mercato bergamasco.

L'indagine sul profilo economico-patrimoniale ha consentito di individuare un appartamento e quattro negozi nel centro di Roma, vari conti correnti – di cui uno intestato alla madre – e titoli, per un valore complessivo stimato intorno ai 2,5 milioni di euro.

Questi beni, verosimilmente acquistati con i proventi del traffico di droga, sono stati ritenuti sproporzionati agli esigui redditi dichiarati e, quindi, da sottoporre a sequestro preventivo. Nel corso delle indagini e' stato accertato che su quei conti correnti era entrata tra il 2007 e il 2011 la somma di circa un milione di euro, mentre l'uomo dichiarava al fisco, in media, ventimila euro all'anno da attivita' lavorativa.