Bergeggi (Savona), cassonetto lanciato sui campeggiatori: ragazzo di 17 anni ha confessato

di redazione Blitz
Pubblicato il 6 Agosto 2019 11:35 | Ultimo aggiornamento: 6 Agosto 2019 11:47
Spiaggia di Bergeggi

La spiaggia di Bergeggi in cui dormivano i campeggiatori francesi (Foto Ansa)

BERGEGGI (SAVONA) – Un ragazzo di 17 anni ha confessato di aver gettato sulla spiaggia di Bergeggi (Savona) il cassonetto dell’immondizia che ha colpito un ragazzino francese di 12 anni che dormiva in tenda nella notte tra venerdì e sabato. 

Ai carabinieri il ragazzo, che quella sera era alla discoteca La Kava, ha detto di “non sapere che sotto c’erano delle persone” era anzi convinto di “lanciarlo direttamente in mare”. “Si è detto molto dispiaciuto”, ha detto il comandante del Reparto investigativo dei Carabinieri Savona Dario Ragusa.

Il ragazzo, secondo la ricostruzione dei carabinieri, sarebbe uscito verso le 3 dalla discoteca e si sarebbe fermato al chiosco dei panini, che però era chiuso. “A quel punto ha pensato di lanciare il cassonetto in spiaggia, convinto di lanciarlo direttamente in mare”, hanno riferito gli investigatori, secondo quanto riportato dall’Ansa.

In conferenza stampa, i carabinieri di Savona hanno ricostruito i passi salienti dell’indagine: dopo aver accertato l’assenza di telecamere utili a ricostruire quanto avvenuto sabato sera i militari sono riusciti a risalire ad un testimone che ha assistito al lancio del bidone. “Una testimonianza molto precisa nella descrizione – ha detto Ragusa – ma che non conteneva elementi utili all’identificazione del responsabile. Abbiamo allora iniziato a sentire i tanti giovani presenti a Spotorno e ieri sera siamo riusciti ad acquisire un quadro indiziario più che solido. Con queste prove abbiamo convocato in caserma il minorenne, che risiede fuori regione, insieme ai genitori chiedendo la sua versione”.  

Il ragazzino francese resta in prognosi riservata 

Intanto il ragazzino francese è ancora ricoverato in terapia intensiva all’ospedale pediatrico Gaslini di Genova. Il ragazzino ha subito un grave trauma cranio facciale.

La famiglia di turisti francesi era in vacanza in Italia da alcuni giorni. Venerdì notte dormiva in tenda sulla spiaggia dei Prodani, situata in un’area marina protetta. Qualcuno nella notte ha lanciato un cassonetto dei rifiuti dalla strada Aurelia giù verso la spiaggia. Dopo un volo di una ventina di metri il cassonetto ha colpito il ragazzo ferendolo.

La direzione sanitaria dell’Istituto Gaslini, dove il giovane è ricoverato dopo le prime cure all’ospedale santa Corona di Pietra Ligure, ha spiegato che la prognosi resta riservata e il paziente è in osservazione “in terapia intensiva pediatrica per la valutazione dell’evoluzione dello stato di coscienza e del possibile danno neurologico conseguente al trauma”.

Sull’accaduto indagano i carabinieri di Noli e di Savona che cercano testimonianze per risalire agli autori del lancio. Anche il sindaco di Bergeggi chiede collaborazione ma parla anche della necessità di combattere il campeggio abusivo sulle spiagge della cittadina. (Fonti: Ansa, Il Secolo XIX)