Blitz della Finanza contro centri di scommessa e videopoker: irregolare uno su 5

Pubblicato il 22 agosto 2012 11:51 | Ultimo aggiornamento: 22 agosto 2012 11:51
videopoker

(Foto Lapresse)

ROMA – Un centro scommesse su cinque è irregolare. Almeno tra i duemila controllati. Il blitz della Guardia di Finanza in tutta Italia ha scoperto 233 videopoker illegali. Quasi duecento persone sono state denunciate.

I controlli sono iniziati nell’ultima settimana di Olimpiadi, e sono finiti il 22 agosto. I finanzieri hanno verificato l’iscrizione degli esercizi nell’apposito elenco, il possesso delle autorizzazioni, l’integrità degli apparecchi da gioco, il loro collegamento alla rete dei Monopoli e l’identità dei giocatori, con attenzione per la tutela dei minori.

Le irregolarità più diffuse sono la manomissione dei videopoker e degli altri apparecchi di gioco, la raccolta abusiva di scommesse attraverso agenzie clandestine o per conto di allibratori esteri senza autorizzazione, i siti di gioco artificiosamente collocati all’estero per evitare controlli e imposte.

Nel dettaglio, sono stati 2.088 gli esercizi controllati e 417 le violazioni contestate: sequestrati 233 videopoker illegali e 74 centri di scommesse non autorizzati, 185 persone denunciate.