Vieni a vedere i cadaveri plastificati: erano vivi, cinesi e carcerati

Pubblicato il 25 Maggio 2012 11:44 | Ultimo aggiornamento: 1 Giugno 2012 13:45

TORINO – Veniteli a vedere, questi corpi. Cadaveri veri, il processo naturale di degenerazione bloccato grazie alla plastilina. Carni rosee e ossa, organi interni, cervelli. Di detenuti cinesi, per la precisione, che in vita erano carcerati e che nessuno, dopo la morte, ha reclamato. Ma probabilmente questo aspetto della vicenda non importa granché. Ci saranno quelli che si mettono in coda per le “opere d’arte con funzione scientifica”, come reclamizzano gli ideatori della mostra, e coloro che non vedono l’ora di vedere cadaveri senza pelle per giunta in posa plastica. Al Palaolimpico di Torino, dal 5 ottobre al 13 gennaio 2013, arriva “The Human Body Exhibition”. Ovvero, una delle mostre più contestate al mondo.

Per rendere possibile questa mostra è stata affinata la tecnica della plastinazione che, partendo dall’imbalsamazione e dalla disidratazione, trasforma i liquidi in polimeri. Una volta sottoposti a questa lavorazione i corpi, induriti, possono essere conservati in modo permanente, trattati, lavorati e colorati. Una sezione è dedicata agli effetti dello stile di vita, come quello della caffeina, quello della Coca Cola sulla vescica o dell’osteoporosi. Ovunque sia stata presentata questa mostra ha suscitato una buona dose di polemiche e indignazione. Quando fece tappa in Florida il New York Times pubblicò un articolo sul mercato nero delle salme in Cina, cosa che sollevò dubbi circa l’origine dei corpi in mostra. A Torino sarà mostrato anche un documento del governo cinese che rassicura chi qualche scrupolo di coscienza se lo fa: si tratta di salme provenienti da “donatori di corpi”. Che poi i donatori siano stati consenzienti, non è dato sapere.