Bojano (Campobasso), brigadiere dei carabinieri muore in caserma. Ipotesi suicidio

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 febbraio 2019 8:29 | Ultimo aggiornamento: 7 febbraio 2019 8:29
Bojano (Campobasso), brigadiere dei carabinieri muore in caserma. Ipotesi suicidio

Bojano (Campobasso), brigadiere dei carabinieri muore in caserma. Ipotesi suicidio

BOJANO (CAMPOBASSO) – Lutto tra i carabinieri di Bojano, in provincia di Campobasso. Mercoledì 6 febbraio Mario Di Fusco, brigadiere di 54 anni, è morto per un colpo sparato dalla pistola d’ordinanza. Sembrerebbe trattarsi di suicidio, ma per averne la certezza bisognerà attendere gli esiti dell’indagine che è stata aperta. 

Di Fusco, di origini campane, viveva ad Isernia con la moglie e una figlia adolescente. Mercoledì mattina ha raggiunto la caserma di via Croce come tutti i giorni. Il suo compito era quello di accompagnare negli spostamenti il comandante della Compagnia. 

Ma ieri qualcosa è andato storto. Non si sa quale sia il motivo che potrebbe aver spinto Di Fusco al suicidio: apparentemente la sua vita sembrava regolare, quasi felice si potrebbe dire. Ma mercoledì mattina il brigadiere, dopo aver preso servizio, si è appartato in un locale del seminterrato dello stabile che ospita la Compagnia e ha fatto fuoco. 

I colleghi hanno chiamato subito i soccorsi, riferisce PrimoPiano.it, ma quando i sanitari del 118 sono arrivati per l’uomo era ormai troppo tardi. 

Molto scossa l’intera comunità. Tutti ricordano il brigadiere come una persona altruista e sorridente. Nessuno avrebbe mai immaginato un simile epilogo.