Bolletta elemosiniere del Papa, il Codacons denuncia l’Acea per l’esposto

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 maggio 2019 14:39 | Ultimo aggiornamento: 14 maggio 2019 14:39
Bolletta elemosiniere del Papa, il Codacons denuncia l'Acea per l'esposto

Bolletta elemosiniere del Papa, il Codacons denuncia l’Acea per l’esposto

ROMA – Il Codacons “presenterà oggi alla Procura della Repubblica di Roma un esposto per calunnia contro Acea, in cui si chiede alla magistratura di aprire una inchiesta sul comportamento della società energetica. Alla base della denuncia dell’associazione, lo stato di necessità in cui versano gli occupanti del palazzo, tra cui figurano ben 98 minori”. Lo riferisce il Codacons in un comunicato, in merito alla vicenda dello stabile ex Inpdap occupato a Roma.

Per l’associazione “l’esposto presentato ieri da Acea in Procura per furto di energia è un atto illegittimo che potrebbe configurare la fattispecie di calunnia – spiega il presidente Carlo Rienzi – Quando infatti si è in presenza di uno stato di necessità come nel caso dello stabile di Santa Croce in Gerusalemme, con bambini e minori che non possono in alcun caso essere lasciati senza energia, non è possibile configurare reati come quelli ipotizzati dalla società energetica. Il nostro codice prevede in sostanza una esimente per particolari casi di bisogno e opportunità, e in questo caso nei confronti dell’elemosiniere Konrad Krajewski non può configurarsi alcun illecito”. (fonte Ansa)