Abusarono di una ragazza di 16 anni facendola prostituire, in 5 a processo

Pubblicato il 9 Novembre 2010 0:05 | Ultimo aggiornamento: 9 Novembre 2010 0:05

Indussero a prostituirsi una ragazzina di appena 16 anni che uno di loro aveva contattato attraverso una chat. Con questa accusa cinque uomini, dai 58 ai 38 anni, saranno processati dal tribunale di Bologna. Una storia di abusi violenti iniziata nell’autunno 2002, quando appunto la giovanissima aveva appena 16 anni.

Un uomo del gruppo, oggi 48 anni, la conobbe chattando. Da una banale richiesta di avere una sua foto si passò ad un incontro, che spalancò la porta dell’orrore. L’uomo non solo le propose rapporti sessuali a pagamento, ma la mise in contatto con gli altri quattro uomini. Fino al 2005 abusarono di lei, anche in gruppo, pagandola dai 50 ai 100 euro.

Complice una situazione economica difficoltosa e una familiare complessa, la ragazzina non confidò mai a nessuno il suo dramma. Fino al 2003 la ragazza incontrò gli uomini in abitazioni private, ma due di loro quando compì 18 anni la iniziarono anche a portare in locali per scambisti, costringendola a prostituirsi con altri uomini. Ad un certo punto però la giovane, grazie anche ad un nuovo rapporto sentimentale, trovò il coraggio di troncare i contatti con il gruppo, che la minacciò fisicamente e verbalmente perchè non si rompesse il legame.

Solo diversi anni dopo la giovane chiese supporto psicologico, e chi la aiutava la portò nel 2009 a denunciare quanto subito. L’indagine, condotta dal pm Gabriella Tavano, ha trovato riscontri certi al suo racconto. I cinque, incensurati, sono accusati a vario titolo di induzione e favoreggiamento della prostituzione minorile, produzione di materiale pedopornografico mentre i due che la portarono nei locali anche di sfruttamento della prostituzione.