Bologna, minacce di morte ad assessore pro migranti Lepore: “Il proiettile è già in canna”

di redazione Blitz
Pubblicato il 27 giugno 2018 12:48 | Ultimo aggiornamento: 27 giugno 2018 12:48
Bologna, minacce di morte ad assessore pro migranti Lepore: "Il proiettile è già in canna"

Bologna, minacce di morte ad assessore pro migranti Lepore: “Il proiettile è già in canna”

BOLOGNA – Ha “osato” condividere le parole di Aboubakar Soumahoro, il sindacalista italo-ivoriano che si batte per i diritti dei braccianti in Calabria. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Per questo Matteo Lepore, assessore alla Cultura del Comune di Bologna, si è visto recapitare una minaccia di morte, con tanto di proiettile.

“Caro assessore, il colpo è già in canna, basta puntare e premere il grilletto”, gli hanno scritto sulla bacheca Facebook. Con aggiunta di insulti: “Capito sepolcro imbiancato buonista e traditore?” e la foto di un proiettile.

A postare il vile messaggio è stato un certo Galileo Fiorentini, da un account senza foto e probabilmente falso che ha risposto così alle parole di Soumahoro che annunciava la sua partecipazione ai funerali di Soumaila Sacko, l’attivista maliano ucciso a San Ferdinando. “Non bisogna avere timore di questa gente che vuole intimidire e gettare l’Italia nel buio dell’odio – ha detto Lepore – Noi amministratori abbiamo il compito ogni giorno di lavorare per la speranza. A occhi aperti e a porti aperti Bologna è una città senza paura”.

Intanto il fatto è stato denunciato alla Digos.