Bondi: i dettagli dell’accordo tra il ministro e Svp

Pubblicato il 26 Gennaio 2011 22:15 | Ultimo aggiornamento: 26 Gennaio 2011 22:16

La Svp ha reso noto i dettagli dell’accordo raggiunto con il ministro Sandro Bondi sulla ”storicizzazione” dei monumenti fascisti in Alto Adige che ha portato all’astensione dei due deputati Svp sulla mozione di sfiducia. Il restauro del monumento alla Vittoria a Bolzano, attualmente in corso, viene proseguito solo in comune accordo tra Roma e Bolzano. Saranno installati alcuni panelli che illustreranno il contesto storico dell’opera di Piacentini.

Anche per il monumento dell’Alpino a Brunico si è cercata l’intesa. Tutte le immagini e i bassorilievi di epoca fascista, che ancora oggi si trovano sugli edifici pubblici, saranno rimossi e collocati in luoghi ”più idonei, come musei e monumenti commemorativi”, così l’accordo. Agli ossari di Burgusio, Colle Isarco e San Candido saranno installati cartelli esplicativi con un testo già proposto in passato dalla Provincia.

Secondo il segretario della Svp, Richard Theiner, si tratta di un accordo ”che non poteva essere respinto” e di ”una chance storica a vantaggio di tutti gli altoatesini”. ”Il depotenziamento dei relitti fascisti – così Theiner – rappresentano un importante contributo alla pacifica convivenza”.