Sei turisti a 100 euro a testa, botticella carica segnalata ai vigili: è rissa

Pubblicato il 29 luglio 2012 21:15 | Ultimo aggiornamento: 29 luglio 2012 21:08
botticelle

(LaPresse)

ROMA – Una botticella con sei turisti a bordo, saliti per 100 euro a testa, viene segnalata ai vigili perché la carrozza è “troppo carica”. Così a Roma in via dei Fori Imperiali scoppia la rissa.

L’Ansa racconta la “disavventura” capitata ad un’attivista del Partito Animalista Europeo che ha denunciato la carrozza piena di turisti. A raccontarlo è la stessa organizzazione spiegando che l’ attivista aveva segnalato agli agenti della Polizia Municipale ”una violazione al Regolamento comunale sulla tutela degli animali, nel caso specifico ai danni di un cavallo attaccato ad una botticella, con un carico eccedente di persone”, per la precisione sei.

L’episodio, ricorda l’associazione, arriva a due giorni da un altro avvenuto a piazza di Spagna, dove un cavallo e’ svenuto per il caldo e c’è stata una semirissa tra vetturino e turisti che reclamavano maggiore assistenza per l’animale. Stamani, invece, solo dopo una perseverante insistenza da parte dell’attivista, ravvisando un’omissione d’atti d’ufficio qualora non fossero intervenuti, gli agenti – è detto nella nota dell’associazione – hanno fermato la carrozza interrompendo la corsa. I turisti, furibondi, hanno preteso la restituzione del denaro, 600 euro, mentre il vetturino – prosegue la denuncia – imbestialito per l’accaduto si e’ scagliato contro l’attivista ed ha chiamato rinforzi.

La situazione è degenerata all’arrivo di altri ”botticellari”. L’attivista del Pae – prosegue il comunicato -è stata costretta a fuggire. Inseguita, nella fuga passando sui marciapiedi per evitare il tallonamento, è caduta riportando delle lesioni personali e danni alla bicicletta. ”Abbiamo incaricato il nostro legale, avvocato Quimi – conclude l’associazione – di presentare denuncia alla Procura di Roma per maltrattamento animali ed aggressione e contestualmente diffidare il sindaco affinche’ dismetta questo vergognoso sistema di trasporto pubblico, viste le sistematiche e diffuse violazioni al Regolamento comunale ed aggressioni ingiustificate”.