Brescia, arrestati 4 pakistani: finanziarono attentati a Mumbai

Pubblicato il 21 Novembre 2009 7:50 | Ultimo aggiornamento: 21 Novembre 2009 9:11

polizia3La Digos di Brescia ha arrestato con l’accusa di favoreggiamento e attività finanziaria abusiva due pachistani che, attraverso pagamenti effettuati dall’agenzia di money transfer che gestivano, sarebbero coinvolti nella strage di Mumbai, in India, tra il 26 e il 29 novembre 2008. Le misure cautelari arrivano alla fine di un’inchiesta avviata lo scorso dicembre.

Secondo quanto riferisce la Digos, nell’imminenza degli attentati i due pachistani, usando l’identità di una persona ignara, avrebbero effettuato dall’agenzia di money transfer bresciana, ora sotto sequestro, una rimessa di denaro per pagare l’account di un servizio di telecomunicazioni VoIP, sulla rete internet, utilizzato da soggetti in contatto con gli attentatori di Mumbai. L’attività di indagine è stata condotta dalla Digos sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Brescia e della Direzione Centrale Polizia di Prevenzione – Servizio Centrale Antiterrorismo, e svolta in collaborazione con la Guardia di Finanza.

Arrestati altri due pakistani, indagati per associazione a delinquere finalizzata a favorire l’immigrazione clandestina; mentre un terzo, anch’egli implicato nel traffico di esseri umani, si è reso irreperibile ed è attivamente ricercato.