Brescia: vivono con il corpo del fratello defunto in casa per dieci giorni

Pubblicato il 7 settembre 2012 12:53 | Ultimo aggiornamento: 7 settembre 2012 12:53

BRESCIA – Anche se il fratello maggiore ormai se ne era andato per sempre, hanno deciso di prolungare per dieci giorni la veglia di quel corpo senza vita adagiato sul letto della loro camera. Ogni notte i due anziani, fratello e sorella, si sono addormentati accanto al cadavere del terzo congiunto incuranti dell’odore nauseante. A Brescia, in via Rocca d’Anfo, nessuno si è accorto di quello che stava succedendo nell’appartamento dei tre fratelli anziani. Solo giovedì 6 settembre, l’unico dei due fratelli rimasti in vita è andato a bussare a una vicina di casa chiedendo in prestito la guida telefonica e un telefono per chiamare le pompe funebri.

Come riportato dal Giornale di Brescia, all’arrivo degli uomini dell’agenzia funeraria l’incredulità si è dipinta sul loro volto: in camera da letto si sono trovati il corpo dell’86enne ormai avvolto dal decadimento fisico che inevitabilmente la morte porta con sè.

Allertate le forze dell’ordine, i due fratelli hanno detto di avere avuto paura del distacco da quel fratello maggiore tanto amato e di avere così temporeggiato fino a quel giorno. Il decesso dell’uomo è avvenuto senza dubbio per cause naturali. Averlo in quello stato oltre la porta della cucina non ha impedito ai due anziani di portare avanti la propria routine quotidiana come se nulla fosse accaduto.