Brescia, rifiuta le nozze combinate: diciottenne pachistana tolta al padre

di redazione Blitz
Pubblicato il 13 luglio 2018 13:08 | Ultimo aggiornamento: 13 luglio 2018 13:26
Brescia, rifiuta le nozze combinate: diciottenne pachistana tolta al padre

Brescia, rifiuta le nozze combinate: diciottenne pachistana tolta al padre (Foto archivio Ansa)

BRESCIA – Una ragazza di 18 anni di origini pakistane è stata tolta dalla famiglia e affidata ad una comunità sotto protezione da parte della Questura di Brescia perché il padre avrebbe voluto farla sposare secondo un matrimonio combinato. Non solo: [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] secondo quanto riporta oggi il Giornale di Brescia la ragazza avrebbe subito per anni imposizioni, maltrattamenti e la minaccia di conseguenze fisiche se non avesse rispettato il divieto di vivere all’occidentale, fino alla segregazione in casa. 

Il padre era andato anche oltre stabilendo quando, come e con chi la figlia potesse uscire durante il giorno e stabilendo il coprifuoco serale. Una vera prigione da cui la ragazza è riuscita a fuggire.

È stata lei stessa a raccontare tutto prima ad alcune amiche e poi alla polizia, spiegando il rapporto con il genitore. Per il rischio che la ragazza venisse costretta a tornare in Pakistan, la Divisione anticrimine della Questura di Brescia ha deciso di allontanare la ragazza dalla famiglia e affidarla ad una struttura protetta. Il provvedimento è stato poi inviato alla Procura di Brescia che ora indaga sulla condotta del padre della giovane.