Brescia, protesta immigrati : scontri polizia manifestanti, quattro fermi, spunta un cappio sulla gru

Pubblicato il 8 Novembre 2010 11:58 | Ultimo aggiornamento: 8 Novembre 2010 11:58

La protesta a Brescia (foto Ansa)

Mattinata di tensione in via San Faustino a Brescia, dove prosegue la protesta dei lavoratori immigrati saliti su una gru nel cantiere della metropolitana. All’alba di lunedì 8 novembre, infatti, è stato sgomberato il presidio ma gli immigrati resistono e dichiarano di non avere nessuna intenzione di scendere.

Scontri e tensioni. Durante lo sgombero non sono mancati i contatti tra manifestanti e forze dell’ordine: il bilancio parla di 4 fermi compreso quello dell’attivista Umberto Gobbi, portavoce dell’associazione ”Diritti per tutti”, che stava organizzato il presidio e da un mese si stava battendo per la regolarizzazione degli immigrati.

I manifestanti, intanto, denunciano di aver subito violenze da parte delle forze dell’ordine. ”Questa mattina alle 6 poliziotti e carabinieri hanno fatto violenza sui nostri sostenitori, li hanno picchiati con i loro bastoni. Non vogliamo queste cose, siamo qui per i nostri diritti ma se proseguiranno con queste azioni non staremo a guardare”.ha detto ai microfoni della radio CNRmedia parla Arun, uno degli immigrati che si trova sulla gru a Brescia, dello sgombero del presidio avvenuto questa mattina.

”Hanno picchiato anche le donne – ha aggiunto  Arun – e poi hanno portato via tutti, non siamo per la violenza, ma non abbiamo piu’ la calma, abbiamo perso la pazienza, se vedremo i poliziotti avvicinarsi a noi o continuare a picchiare i nostri amici lanceremo verso di loro qualsiasi oggetto che troviamo qui nella gru dove siamo. A questo punto non abbiamo piu’ niente da perdere”.

Un cappio sulla gru. Uno dei sei immigrati che manifestano sulla gru a Brescia a 35 metri d’altezza, dopo lo sgombero del presidio, si è messo un cappio al collo assicurando la cima al braccio della struttura. L’uomo è seduto sul braccio della gru con le gambe a penzoloni. I vigili del fuoco, intanto, hanno iniziato le operazioni di collocamento di una rete di protezione sotto la cabina della gru sulla quale si trovano i sei immigrati. Le operazioni di messa in sicurezza sono state interrotte dal lancio di bulloni da parte degli stessi manifestanti. Nel cantiere della metropolitana, in cui è in corso la protesta, è stata portata anche un’ autoscala.

[gmap]