Brescia, rapina nella villa di David Quilleri: il re dei cinema della città legato e imbavagliato

di redazione Blitz
Pubblicato il 6 maggio 2019 10:26 | Ultimo aggiornamento: 6 maggio 2019 10:26
Brescia, rapina nella villa di David Quilleri: il re dei cinema della città legato e imbavagliato

Brescia, rapina nella villa di David Quilleri: il re dei cinema della città legato e imbavagliato

BRESCIA – Rapina nella casa di David Quilleri, magnate del cinema di Brescia. La sera di mercoledì primo maggio intorno alle 23 quattro banditi si sono introdotti nella villa ai piedi della Maddalena. Hanno tagliato il filo spinato che sovrastava il muro di cinta e si sono nascosti in giardino.

Quando Quilleri ha sentito suonare l’allarme perimetrale ha aperto una portafinestra: a quel punto i quattro hanno fatto irruzione e hanno legato e imbavagliato il padrone di casa, 70 anni. 

Gli hanno chiesto dove fosse la cassaforte, al che lui ha risposto che non ce n’erano e che i soldi, 1.500 euro, erano custoditi in un cassetto. I rapinatori li hanno presi e gli hanno strappato il Rolex che aveva al polso. 

A quel punto il fratello di Quilleri, che vive nella casa accanto, dopo aver sentito l’allarme e aver tentato invano di parlare al telefono con il familiare, ha chiamato il 112. A quel punto i quattro hanno capito cosa stava accadendo e si sono dati alla fuga.

Le indagini si concentrano su alcuni furti commessi nei mesi passati. Gli investigatori stanno analizzando le immagini delle telecamere della zona. Secondo quanto scrive Il Giorno potrebbe trattarsi di una gang dell’est europeo. Il bottino più alto risale a dicembre 2017: all’epoca un furto nella villa di un imprenditore di Lonato del Garda fruttò ai banditi gioielli, orologi e contanti per 200 mila euro. (Fonti: La Stampa, Il Giorno)