Bressanone, Monika Gruber trovata morta in casa: arrestato il marito. Su un biglietto ha scritto: “Sono io l’assassino”

di redazione Blitz
Pubblicato il 20 aprile 2018 10:22 | Ultimo aggiornamento: 20 aprile 2018 14:56
Bressanone, donna trovata morta in casa: fermato un uomo

Bressanone, donna trovata morta in casa: fermato un uomo

BOLZANO – L’hanno trovata ormai senza vita in un appartamento nel centro di Bressanone (Bolzano). La donna uccisa nel suo appartamento si chiamava Monika Gruber, di 57 anni. Nel carcere di Bolzano si trova attualmente suo marito Robert Kerer, di 58 anni, che su un biglietto aveva scritto in tedesco: “Sono io l’assassino di mia moglie”. Il foglietto è stato trovato in una tasca della sua giacca.

Il cadavere della donna, che presentava ferite di arma da taglio, è stato rinvenuto in un appartamento di via Alta Angelo Custode, a pochi passi dal centro storico. A fare la macabra scoperta sono stati alcuni parenti della donna che da alcuni giorni non avevano più notizie di lei: hanno quindi deciso di entrare in casa. Di qui la chiamata al 112. La vittima è una brissinese di 57 anni. Sul posto sono intervenute diverse pattuglie dei carabinieri e le squadre per le investigazioni scientifiche.

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

I carabinieri hanno fin da subito indirizzato le loro ricerche sul marito della donna che non era in casa al momento del rinvenimento rendendosi irreperibile. Dopo alcune ore di intense ricerche gli investigatori hanno individuato l’uomo nei pressi della stazione ferroviaria di Bressanone. Era in stato confusionale e presentava varie ferite sul corpo: non si esclude che avesse in mente di togliersi la vita gettandosi sotto un treno.

Fermato e condotto in caserma l’uomo è stato ascoltato dagli uomini dell’arma per alcune ore, al termine delle quali è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto. Davanti agli inquirenti, l’uomo si è comunque avvalso della facoltà di non rispondere e il gip ha convalidato di arresto. L’omicidio sarebbe avvenuto alcuni giorni fa. Ieri sera i due figli si sono recati nell’appartamento dei genitori e hanno trovato il cadavere sul letto matrimoniale con diverse coltellate in prossimità della gola.

I figli – si è appreso avrebbero poi chiamato il padre che avrebbe risposto “sto cercando di raggiungere vostra madre”. L’uomo si trova in questo momento nel carcere di Bolzano a disposizione dell’autorità giudiziaria.