Brindisi. Si assentavano dalla Asl per lavorare in strutture private: 24 arrestati e 45 indagati

Pubblicato il 15 Novembre 2010 12:54 | Ultimo aggiornamento: 15 Novembre 2010 12:55

Truffa aggravata e continuata in danno al Servizio Sanitario Nazionale. Con questa accusa i carabinieri del Nas di Taranto stanno eseguendo 24 provvedimenti di custodia cautelare nei confronti di dipendenti della ASL di Brindisi, in totale 45 indagati tra cui medici, infermieri, tecnici di radiologia, impiegati amministrativi ed addetti alle pulizie. Colleghi compiacenti degli indagati smarcavano il cartellino dei colleghi assenteisti, che invece di lavorare si dedicavano ad incombenze personali, poi rivelatesi attività sanitarie private.

Le conseguenze di tali livelli di assenteismo hanno gravato pesantemente “sull’efficienza di quel presidio pubblico”, tanto che la struttura sanitaria “nel disattendere le alte funzioni socio-assistenziali demandate, ha progressivamente eluso le richieste di esami diagnostici in tempi ragionevoli”, causando una “migrazione degli utenti verso strutture convenzionate con conseguenti incidenze finanziarie sul Servizio sanitario nazionale, ovvero il ricorso a professionisti privati con aggravi economici per i singoli pazienti”, come hanno spiegato gli investigatori.

Ulteriori verifiche nel corso dell’indagine hanno permesso di accertare non solo la persistenza di condotte illecite, ma anche la diffusione di violazioni da parte di altri dipendenti affatto dissuasi dalle denunce sulla stampa locale circa il fenomeno dell’assenteismo. Come al solito a pagare le conseguenze di comportamenti illeciti non è solo il sistema sanitario nazionale, ma soprattutto i malati, che per ottenere visite e prestazioni in tempi ragionevoli sono stati costretti a rivolgersi a professionisti privati e a pagare salato tali prestazioni.