Brindisi, l’uomo scagionato per l’attentato: “Rischio il linciaggio”

Pubblicato il 30 Maggio 2012 23:36 | Ultimo aggiornamento: 30 Maggio 2012 23:38

ROMA – Prima era stato indicato come il possibile attentatore di Brindisi, poi scagionato e rilasciato, ora ha paura ad uscire di casa. L'uomo è stato intervistato a Matrix, su Canale 5: ''Oltre al linciaggio mediatico ho rischiato quello fisico, ho saputo che mi aspettavano sotto casa. Chiederò il risarcimento a chi ha divulgato il mio nome. Accetto lo sbaglio ma pretendo le scuse, scuse che da chi rappresenta la città non mi sono ancora arrivate".

Nell'attentato davanti alla scuola Morvillo Falcone è morta Melissa Bassi e sono state ferite gravemente altre studentesse. L'uomo, che è risultato del tutto estraneo alla vicenda, ha detto di ''aver paura. Non esco più, ricevo delle minacce''.

''Quel sabato mattina – ha detto a Matrix che ha diffuso un comunicato sull'intervista – mi sono svegliato con il colpo dell'esplosione. Sentivo le sirene e ho capito che era successo qualcosa di grave. Ho saputo della bomba dal Televideo. Quel pomeriggio avevo appuntamento in un negozio che si trova vicino alla scuola e ho visto quel trambusto ma mai avrei immaginato che sarei stato accusato di quel fatto. Adesso provo amarezza ma anche tanta rabbia perché non si capisce il motivo per il quale sono stato coinvolto. Sono stato ore in questura ma ho perso la cognizione del tempo. Non ho avuto paura di essere arrestato ma avevo paura della malagiustizia''.

''C'è stata la fretta – ha proseguito – nel voler prendere quanto prima qualcuno. Si doveva trovare comunque subito il mostro, è stata una cosa molto rapida e proprio per la gravità del fatto le cose dovevano andare con razionalità. Il fatto di essere interrogati non vuol dire essere colpevole. Io sono arrabbiato anche con la gente. Ho rischiato il linciaggio. E' come se avessi visto un film del medioevo in cui si puntava il dito e si metteva alla gogna. Io chiedo cautela a tutti : ai giornalisti, agli inquirenti, alla gente. Io non esco più. Ho avuto sconvolgimenti nella famiglia, nella vita sociale, nel lavoro. Ci sono ancora pregiudizi. Diciamo ho paura perché può esserci qualche scheggia impazzita intorno che possa pensarmi ancora colpevole. Su internet ho una pagina facebook, ho ricevuto messaggi di sostegno ma anche di minacce e ingiurie. il danno è stato fatto''.