Brindisi, il sindaco Cosimo Consales indagato per riciclaggio e ricettazione

di redazione Blitz
Pubblicato il 19 novembre 2013 14:08 | Ultimo aggiornamento: 19 novembre 2013 14:08
Cosimo Consales

Cosimo Consales

BRINDISI – Riciclaggio e ricettazione: con queste accuse è stato indagato il sindaco di Brindisi Cosimo Consales. Un decreto di perquisizione e sequestro, con contestuale avviso di garanzia per riciclaggio, ricettazione, abuso d’ufficio per un singolo caso di concussione, è stato notificato dagli agenti della Digos al sindaco Consales (Pd), al dirigente del suo staff, Cosimo Saracino, all’ex direttore di Equitalia della città, Giuseppe Puzzovio e a un commercialista di Lecce. I poliziotti hanno acquisito documentazione negli uffici comunali.

L’informazione di garanzia riguarda un’inchiesta dei pm Giuseppe De Nozza e Savina Toscani sull’affidamento del servizio di comunicazione istituzionale e rassegna stampa alla ‘News’, società di cui il sindaco possedeva le quote fino a pochi mesi prima dell’elezione. In particolare l’attività di riscontro riguarda alcune cartelle di Equitalia che non sarebbero state pagate. Gli agenti hanno fatto ingresso negli uffici di Palazzo Nervegna poco prima che iniziasse un incontro del sindaco con i sindacati e i lavoratori della ditta addetta alla raccolta dei rifiuti urbani, riunione che poi si è svolta regolarmente.