Buccinasco, bimbi maltrattati all’asilo: arrestata una maestra, l’altra indagata

di redazione Blitz
Pubblicato il 15 Maggio 2015 23:50 | Ultimo aggiornamento: 15 Maggio 2015 23:50
Buccinasco, bimbi maltrattati all'asilo: arrestata una maestra, l'altra indagata

Buccinasco, bimbi maltrattati all’asilo: arrestata una maestra, l’altra indagata

MILANO – Alcuni hanno cominciato a fare la pipì addosso, altri si coprono gli occhi e si tappano le orecchie se qualcuno alza la voce, c’è perfino un bimbo che ha smesso di parlare. Colpa dei presunti maltrattamenti subiti all’asilo di Buccinasco (Milano). Per questo la Squadra Mobile di Milano giovedì ha arrestato una maestra sessantenne, ora ai domiciliari. Indagata anche un’altra maestra di circa 50 anni perché, pur sapendo delle violenze, non ha mai denunciato la collega.

La segnalazione sarebbe arrivata lo scorso 18 febbraio grazie a tre mamme preoccupate per lo strano comportamento dei loro bimbi. “Mio figlio era terrorizzato – racconta una delle donne che per prime hanno dato l’allarme – Da alcuni mesi dava segni di insofferenza davanti alla scuola, ma ho avuto la conferma che qualcosa non andava quando una volta l’ho sgridato alzando leggermente la voce. A quel punto è scoppiato in un pianto disperato e mi ha detto: ‘Io non sono monello… poi tu mi picchi come fa la maestra‘. Gli ho chiesto spiegazioni e lui mi ha descritto gli schiaffi col rovescio della mano che la maestra dava a lui e ad altri bambini sul sedere e sulla bocca”. Violenze che, purtroppo, sarebbero state confermate anche dagli altri piccoli.

La conferma sarebbe arrivata quando gli investigatori hanno guardato le immagini riprese dalle telecamere nascoste installate nell’istituto. “Mi hanno solo detto – continua la mamma – che quella maestra è una pazza squilibrata che ha fatto tante cose brutte”. Molti gli episodi violenti raccolti nei mesi: bimbi minacciati, derisi, picchiati. “A gennaio ha fatto uscire i bambini con meno quattro gradi affinché ‘si schiarissero le idee’. Una volta invece sono andata a prendere mio figlio in anticipo e l’ho trovato in un angolo in lacrime. Lei gli stava dicendo con voce bassa “adesso smettila, devi stare zitto, sennò quella bocca te la chiudo io per sempre”. In quell’occasione la donna è intervenuta riprendendo a sua volta la maestra che le ha chiesto scusa e si è giustificata dicendo: “A volte ho dei modi che non sono consoni a bambini così piccoli ma i bambini sono veramente discoli. Suo figlio non sta alle regole del gruppo”.

Lo stesso bambino che ha raccontato sotto choc alla madre che un compagno che aveva fatto la pipì addosso è stato costretto a salire in piedi su una sedia mentre i compagni lo deridevano. Settimane dopo la denuncia, invece, la donna racconta di aver sentito la maestra minacciare i bambini in questi termini: “Adesso se non fate i bravi vi faccio venire a prendere da quell’uomo brutto che conosco solo io che porta via i bambini monelli e non li riporta più dai genitori”.