Bullismo ad Avellino: tredicenne picchiato a sangue nei bagni della scuola media

di redazione Blitz
Pubblicato il 31 Maggio 2019 20:12 | Ultimo aggiornamento: 1 Giugno 2019 2:03
Bullismo ad Avellino: tredicenne picchiato a sangue nei bagni della scuola media

Bullismo ad Avellino: tredicenne picchiato a sangue nei bagni della scuola media

AVELLINO – Bullismo ad Avellino. Un ragazzino di 13 anni è stato picchiato a sangue nei bagni della scuola media. Lo studente ha riportato diverse ferite al volto e lesioni ai denti e ha dovuto fare ricorso alle cure dei medici del pronto soccorso dell’ospedale Moscati. 

L’allarme è stato lanciato agli insegnanti dai suoi compagni di classe. Il dirigente scolastico e i genitori della vittima sono stati sentiti dagli investigatori che avrebbero anche individuato il responsabile dell’aggressione.

L’aggressione, scrive TgCom24, è avvenuta nei bagni del Convitto Nazionale Pietro Colletta di Avellino. “La scuola – denuncia su Facebook il papà del ragazzino picchiato a sangue, Gianluca Forgione, ex assessore alle finanze del Comune di Avellino – dovrebbe essere innanzitutto un luogo sicuro ed educativo. Oltre che di formazione. Invece ecco quanto accaduto a mio figlio… dopo averlo lasciato, come ogni mattina, tra le mura di un istituto scolastico della città, sono andato a riprenderlo per accompagnarlo all’ospedale in queste condizioni”.

“Oggi – aggiunge – è capitato a mio figlio (che per fortuna è forte), ma domani potrebbe capitare a qualsiasi altro ragazzo. Tutte le istituzioni devono fare la propria parte per prevenire e reprimere fenomeni di bullismo… diversamente ognuno ha fallito”.

Al post viene allegato il referto medico, dove si legge che il ragazzino ha riportato un “trauma oculare sinistro e arcata dentaria inferiore, contusione della palpebra e della regione perioculare”. Per lui una prognosi di 10 giorni. Sull’aggressione indaga la polizia. (Fonti: Ansa, TgCom24)