Cronaca Italia

Busto Arsizio, violenza al centro per minori: adolescenti abusano di operatrice

Busto Arsizio, violenza al centro per minori: adolescenti abusano di operatrice

MILANO – Un gruppo di quattro adolescenti ospiti di un centro per minori ha sequestrato, rapinato e violentato una operatrice di 30 anni. La donna lavorava nel centro per minorenni di Busto Arsizio, vicino Varese, ed è stata aggredita dai quattro ragazzi che l’hanno chiusa in una stanza del centro per l’intera notte, l’hanno presa a bastonate e palpeggiata. L’episodio risale al 17 marzo 2016 ma ora per i quattro giovani, che hanno tra i 14 e i 17 anni, sono stati condannati a pene fino ai 3 anni per violenza sessuale di gruppo, aggravata dal ruolo di incaricato di pubblico servizio ricoperto dall’educatrice.

Manuela Messina sul quotidiano La Stampa scrive che il tribunale dei Minorenni ha condannato i quattro adolescenti ospitati nel centro di Busto Arsizio al carcere:

“Il giudice Marilena Chessa ha stabilito pene fino a 3 anni e due mesi di reclusione, senza messa alla prova. Quanto avvenuto quella notte è stato ricostruito grazie alle analisi filmati presenti nella struttura e del racconto della vittima. Secondo quanto emerso, l’operatrice sarebbe stata attirata con una scusa nella stanza di uno dei ragazzi, alcuni con gravi problemi comportamentali, anche di natura sessuale.

Insultata e minacciata con un coltello, gli aggressori – che si aggiravano per le stanze nudi e avrebbero cercato maldestramente di coprire le telecamere – le avrebbero portato via il cellulare per poi colpirla più volte con un bastone e palpeggiarla nelle parti intime. I quattro ragazzi – due di loro, dal giorno dell’arresto, si trovano nel carcere minorile Beccaria – saranno trasferiti in comunità terapeutiche”.

To Top