Calcio/ Tre persone rinviate a giudizio per la cessione della Torres Sassari

Pubblicato il 13 Luglio 2009 18:35 | Ultimo aggiornamento: 13 Luglio 2009 19:06

Gli imprenditori Rinaldo Carta e Piero Mele, ex presidente e vicepresidente della Torres calcio, sono stati rinviati a giudizio per truffa nell’ambito dell’indagine sulla cessione della società sportiva a Edoardo Tusacciu nel 2005, e avviata da un esposto del fondatore della Plastwood.

Con loro, il gup di Sassari Maria Teresa Lupinu ha mandato a processo anche Massimo Balia, secondo vice di Carta al tempo della sua gestione, accusato di infedeltà patrimoniale. Tusacciu aveva accusato Carta e Mele di avergli presentato bilanci “corretti”, nascondendogli un buco che la Guardia di finanza di Sassari aveva quantificato in quasi quattro milioni di euro.

Nel settembre 2008, all’apertura dell’udienza preliminare, Tusacciu si era costituito parte civile chiedendo tre milioni di risarcimento, uno per il denaro investito nel sodalizio e due per danni morali. L’apertura del processo è stata fissata per il 16 dicembre prossimo. «Sono sereno e ho fiducia nella giustizia e mi spiace che il processo non sia già domani. Tusacciu mente sapendo di mentire – ha aggiunto – perché gli affari erano una questione tra lui e Carta, mentre io dei bilanci non so niente, essendomi insediato solo a marzo 2005. Nei prossimi giorni denuncerò Tusacciu per calunnie», ha concluso.