Calunnia pm di Reggio Calabria, avvocato condannato a tre anni

Pubblicato il 20 Dicembre 2010 15:52 | Ultimo aggiornamento: 20 Dicembre 2010 17:49

L’avvocato Giuseppe Lupis, del foro di Locri, è stato condannato a tre anni di reclusione dal giudice monocratico di Catanzaro per calunnia ai danni dell’ex pubblico ministero di Reggio Calabria Francesco Mollace, adesso sostituto alla Procura generale di Reggio. La vicenda trae origine dall’arresto di Lupis, disposto da Mollace nel gennaio del 2005, perché trovato in possesso di una pistola, portata illegalmente, mentre s’imbarcava su un aereo nell’aeroporto di Reggio Calabria.

Dopo l’arresto Lupis presentò un esposto contro Mollace accusandolo di una serie di falsi, abusi ed omissioni. Dagli accertamenti e’ emerso che la pistola con cui fu trovato Lupis era di proprieta’ di una cliente dell’avvocato, Enrichetta Lucifero. La donna l’aveva consegnata al penalista nel corso dello sgombero forzato di una casa persa in seguito ad una procedura fallimentare. L’avv. Lupis fu nuovamente arrestato nell’agosto del 2005 per calunnia ai danni di Mollace in esecuzione di un’ordinanza emessa dal gip di Catanzaro su richiesta del pm Maria Carla Sacco.