Camorra: sequestrati beni per 130 milioni di euro ad un imprenditore nel Casertano

Pubblicato il 28 luglio 2010 8:46 | Ultimo aggiornamento: 28 luglio 2010 8:46

Beni per 130 milioni di euro sono stati sequestrati dai militari della Guardia di Finanza di Mondragone (Caserta) ad un imprenditore ritenuto dagli investigatori affiliato ad un clan camorristico. L’accusa nei confronti dell’imprenditore è  traffico internazionale di stupefacenti e riciclaggio.

Il provvedimento di sequestro preventivo dei beni è stato emesso dalla direzione distrettuale antimafia di Napoli. Complessivamente i militari della Guardia di Finanza hanno sequestrato 22 aziende commerciali, 25 terreni e sette fabbricati distribuiti tra Lazio, Campania e Molise, per un valore complessivo di 130 milioni.