Camorra, pentito: “Boss Vincenzo Lo Russo ha casa in stile Grande Fratello”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 Febbraio 2015 9:56 | Ultimo aggiornamento: 16 Febbraio 2015 9:59
Camorra, pentito: "Boss Vincenzo Lo Russo voleva casa come Grande Fratello"

Camorra, pentito: “Boss Vincenzo Lo Russo voleva casa come Grande Fratello”

NAPOLI – Una casa identica a quella del Grande Fratello. Piscina esterna, giardino, ring, palestra e specchi. Questa la casa che Vincenzo Lo Russo, considerato boss della camorra, avrebbe fatto costruire lontano da sguardi indiscreti.

Insomma una casa a Miano, spiega Antonio Occurso ex pusher e ora collaboratore di giustizia, a ​Leandro Del Gaudio del Mattino:

“Una mania, una fissazione, quella di Vincenzo Lo Russo, detto ’o signore, almeno secondo la ricostruzione offerta di recente da uno degli ultimi pentiti di camorra, uno che ha scalato e percorso tutte le tappe della fenomenologia criminale in salsa camorristica: si chiama Antonio Occurso, è stato pusher, boss del cosiddetto clan dei girati della Secondigliano vecchia (la cosiddetta zona della Vanella Grassi), fino a passare alla collaborazione con la giustizia. Posto di fronte a centinaia di fotografie di luoghi e personaggi, non ha avuto esitazione a raccontare particolari inediti sul conto di Vincenzo Lo Russo, uno dei discendenti della dinasty di Giuseppe Lo Russo (boss dei cosiddetti capitoni, al momento detenuto), a proposito di vezzi e attitudini private: «Lo chiamano ’o signore – ha spiegato Accurso – e ha una casa a Miano abbastanza famosa».

In che senso? «Se l’è fatta fare tipo quella del grande fratello, con la piscina all’esterno, la palestra all’interno, il ring per gli incontri di boxe. A Miano lo sanno tutti»”.