Campione d’Italia, da solo rapina il Casinò e scappa con 500mila euro

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 marzo 2018 13:03 | Ultimo aggiornamento: 28 marzo 2018 13:03
Campione d'Italia, da solo rapina il Casinò e scappa con 500mila euro

Campione d’Italia, da solo rapina il Casinò e scappa con 500mila euro

COMO – Armato di pistola, rapina l’ufficio cassa del Casinò di Campione d’Italia, dove due dipendenti stavano contando gli incassi della notte, e si porta via circa 500mila euro.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela

La rapina è avvenuta oggi, mercoledì 28 marzo, intorno alle 7 di mattina. L’uomo, prima di fuggire, ha malmenato uno degli addetti della casa da gioco. Resta da capire come l’uomo sia riuscito a entrare al piano dell’ufficio cassa dove è necessario uno speciale tesserino.

L’uomo è riuscito a entrare nella casa da gioco in un orario di chiusura al pubblico ed è salito al terzo piano all’ufficio cassa, dove due impiegati stavano contando l’incasso della nottata. A quel punto ha estratto una pistola e ha malmenato uno dei due addetti, facendosi consegnare il denaro, che ha messo in uno zaino prima di fuggire.

Del rapinatore ancora nessuna traccia. Indaga la polizia locale di Campione d’Italia. Nessuno all’esterno del Casinò ha notato qualcosa di strano. Non si hanno notizie sull’autovettura che il bandito ha usato per allontanarsi dall’enclave italiana in territorio svizzero.

“Un rapinatore solitario, a viso scoperto e armato di pistola, è entrato nel casinò e ha raggiunto l’ufficio cassa – ha detto il sindaco di Campione d’Italia Roberto Salmoiraghi – Con un violento calcio ha sfondato la porta e ha intimato agli impiegati presenti di consegnargli gli incassi dopo averli fatti stendere sul pavimento. Uno dei due impiegati è stato spintonato a terra e ha subito una contusione. Ha un piccolo ematoma cranico ed è andato al Pronto soccorso per farsi controllare. Per fortuna i dipendenti non hanno riportato ferite più serie anche se, ovviamente, hanno subito un grosso spavento”.